Social Icons

.

venerdì 2 luglio 2010

Nino Filastò

È nato a Firenze nel 1938 dove tutt'ora vive e lavora, è avvocato penalista e scrittore. Si è occupato del caso Lavorini, della strage del treno Italicus, e del mostro di Firenze quale difensore di Mario Vanni. Ha svolto attività di regista e autore teatrale per il Gruppo di Teatro Sperimentale di Firenze. Come giornalista è stato collaboratore de "La Città", "Firenze la Sera", "Centro", "Paese Sera", "Panorama", "Il Governo delle Cose". Nel 1985 ha pubblicato per Edizioni Nord il romanzo "La proposta" che ha vinto il premio Italcon, nello stesso anno, nella collana I Gialli Mondadori ha pubblicato "La Tana dell'oste" che ha vinto nel 1986 il Premio Tedeschi. Nel 1989 ha pubblicato "Tre giorni nella vita dell'avvocato Scalzi" da cui è stato tratto il film "Nella terra di nessuno"; nel 1990 pubblica "Incubo di Signora" nella collana Interno giallo e nel 1993 Fuga da Eden per Marco Nardi Editore. Nel 1994 pubblica il controverso "Pacciani innocente" in cui fornisce una personale visione della vicenda del "mostro di Firenze". Per Giunti Editore nel 1995 pubblica "La moglie egiziana" e nel 1997 per Mondadori "La notte delle rose nere". Nel 2002 esce per Passigli Editore "Forza Maggiore" e nel 2003 per Maschietto Editore "Il peposo di Maestro Filippo". E' del 2004 "Aringa rossa per l'avvocato Scalzi". Nel 2005 per Maschietto editore pubblica l'indispensabile "Storia delle merende infami" in cui ricostruisce la vicenda del "mostro di Firenze" criticando le indagini ufficiali e portando avanti le sue tesi sul serial-killer fiorentino. Nel 2006 ha difeso Mario Spezi accusato di depistaggio nelle indagini sul presunto omicidio di Francesco Narducci e quelle sul mostro di Firenze.
(Nota di Flanz: È persona umile e generosa e per me una vera rock star!)

2 commenti:

mostrologo napoletano ha detto...

Sono pienamente d'accordo con te Fanz,l'avv. Nino Filastò è davvero una gran persona, di grande cultura ed acume, mi incanta ascoltarlo con il suo tono di voce ed il suo accento fiorentino e poi per chi è appassionato della storia del mostro è un punto di riferimento,a prescindere se si condivide o meno il suo pensiero ( fra l'altro credo che la sua tesi sia quella che piu' si avvicini alla realtà dei fatti)
Grande stima ed ammirazione per Nino Filastò

Flanz ha detto...

Come non essere d'accordo? :-)

 
Blogger Templates